Caprese Michelangelo – Casa natale di Michelangelo

Caprese Michelangelo 1Scultore, pittore, architetto, il suo genio è arrivato fino ai giorni nostri, le sue opere maggiori sono considerate patrimonio imprescindibile dell’umanità, ma sono in pochi a conoscere le vere origini del maestro, ad aver visitato i luoghi che gli hanno dato i natali e che hanno contribuito alla sua formazione.

Roma e Firenze sono senza dubbio le tappe più significative del percorso che l’amante di Michelangelo deve fare per entrare in contatto con il genio del Rinascimento, ma le sue vere origini sono in provincia di Arezzo, nel paese di Caprese, nome al quale con il passare degli anni è stato associato anche quello del suo più importante cittadino ed oggi il paese si chiama Caprese Michelangelo.

Da qui, parte uno dei più affascinanti itinerari dedicati al maestro che va a scoprire perle della sua produzione artistica per molti anni rimaste sconosciute al grande pubblico. Proprio a Caprese è possibile visitare la casa natale di Michelangelo dove una suggestiva targa ne ricorda il giorno della venuta alla luce. Nella sua camera da letto, ancora oggi, si legge: “Ricordo come ogi questo dì 6 di marzo 1474 mi nacque un fanciulo mastio posigli nome Michelagnolo…”.

Ma nel piccolo paese è possibile anche visitare il museo a lui dedicato dove sono conservati i gessi delle sculture più famose, oltre a documenti unici che attestano lo stretto legame del maestro con la sua terra d’origine. Un legame che passa anche per Chiusi della Verna, altro paese in provincia di Arezzo che molto ha influenzato l’opera di Michelangelo, tanto che alcuni storici sostengono con convinzione che sia proprio questo il suo luogo natale e non Caprese.

Girando per le strade del paese non si può fare a meno di notare gli scorci che fanno da sfondo ad alcune delle più importanti realizzazioni di Michelangelo: il monte Penna, ad esempio, appare in opere straordinarie del calibro della Creazione di Adamo, il Tondo Doni, la Crocifissione di San Pietro e la Conversione di San Paolo.

Michelangelo ha voluto richiamare la sua terra nell’opera più importante che abbia mai realizzato, l’affresco della cappella Sistina a Roma, nella Creazione di Adamo in cui si riconosce chiaramente il profilo del Santuario de La Verna.

Oggi una serie di cartelli stradali specifici, scritti in doppia lingua italiano-inglese, guidano i visitatori attraverso questo viaggio nella storia del “maestro” per antonomasia.

Galleria | Questa voce è stata pubblicata in AREZZO, Personaggi toscani famosi, Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.