Massa Marittima: Fonte dell’Abbondanza

Fonte dell'Abbondanza

In una parete della fonte pubblica recentemente restaurata è tornato a splendere un affresco alquanto originale. Trattasi di un albero con i suoi frutti. Fin qui nulla di strano direte voi. E‘ ben noto che la fantasia popolare da sempre si è sbizzarrita nel far pendere dagli alberi i frutti più strani o spesso solamente simbolici, come ad esempio denaro oppure esseri umani od animali. Ma i frutti che pendono dall‘albero raffigurato a Massa Marittima sono sicuramente una cosa unica, decisamente originale, mai vista, almeno in Toscana. La cisterna di Massa Marittima, risalente al 1265 (come attestato dall’epigrafe), venne impreziosita da quest‘affresco che col tempo era quasi del tutto scomparso, molto a causa del calcare. Ma con il restauro e la ripulitura l‘affresco è riaffiorato in tutto il suo splendore fra lo stupore degli stessi restauratori.Fonte dell'Abbontanza dettaglio 1

Ecco allora comparire un maestoso albero dalle lunghe radici che si innalza fino alla cuspide della volta con molti rami e tantissime foglie. E fra i rami e le foglie pendono, in gran numero, organi sessuali maschili! Falli di varie dimensioni con differenti inclinazioni, ma tutti rigorosamente in erezione! La scena diventa ancora più intrigante quando osservando si scopre che, le figure che si muovono nell’ombra dell’albero altro non sono che donne in contemplazione…donne che si accapigliano per il possesso di un fallo, donne intenzionate grazie ad un bastone a farne cadere qualcuno a terra e intorno alla scena, qua è la volteggiano grandi volatili, forse corvi. Difficile per noi profani decifrare la simbologia di questa immagine.

Secondo alcuni è un immagine propiziatoria che ci conduce all’equazione: fonte dell’acqua = fonte della vita. Altri invece vedono in quest’affresco semplicemente „la rappresentazione di uno dei fondamenti elementarmente umani della vita“.Fonte dell'Abbontanza dettaglio 2

Ma una cosa è certa vedendo quest’affresco. Che, nel XIII secolo i costumi erano certamente più liberali di quello che fossero nei secoli successivi! Infatti il dipinto non è in un luogo privato o men che meno situato in un luogo dove si facesse commercio sessuale, ma è su una fontana pubblica, luogo all’epoca di enorme importanza e di libero accesso per tutti. Ma quelle esplicite raffigurazioni suscitarono evidentemente riprovazione per le generazioni successive e si sentì il bisogno quindi di nascondere in ogni modo quelle immagini scandalose. Così, fallo dopo fallo, zac, un bel colpo di vernice bianca ed ecco sbocciare, al posto dei falli, delle più consone bacche di color rosso. Perfino il fallo conteso dalle due donne fu celato all’interno di un secchio, in modo da far chiedere a chi osservava, chissà quale misterioso pomo si contendessero le due donne…

Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Curiosità, Uncategorized, Varie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.